Vacanze settembrine? Regalatevi la bellezza del Lago di Como

thumb image

Il Lario è diventato famoso nel mondo quando George Clooney ha acquistato una lussuosa residenza ma sono secoli che il lago lombardo incanta tanti personaggi, da Flaubert a Goethe, da Giuseppe Verdi a Gioacchino Rossini. Ecco qualche consiglio per godersi una località che non smette di sorprendere

Già nel XVI secolo la nobiltà lombarda era affascinata dalla bellezza del Lago di Como, detto anche Lario. Qui personaggi ricchi e illustri trascorrevano le vacanze, godendo di entusiasmanti scenari naturali, di un fascino misterioso e di tante attrazioni culturali che sono presenti ancora oggi, sia a livello locale che nelle città vicine. Non è un caso che divi come George Clooney ne siano stati conquistati al punto da acquistare una lussuosa residenza sulle sue sponde.

Articolato in tre rami (di Como a sud ovest, di Lecco a sud est e di Colico a nord), il lago di Como è situato tra le province di Como e Lecco a circa 80 chilometri da Milano ed è il più profondo d’Italia, terzo per estensione dopo il lago di Garda e il lago Maggiore.

Vacanze settembrine sul lago di Como: una stagione ideale

Chi non c’è mai stato deve immediatamente porre rimedio a questa mancanza, tenendo conto che settembre è un mese perfetto per un viaggio sul Lago di Como. Il clima è ancora mite, si resta volentieri all’aria aperta e si può beneficiare di maggiore tranquillità rispetto al mese di agosto.

Goethe nel suo Grand Tour scriveva che qui l’aria è luminosa mentre Stendhal, descrivendo le ville sul lago di Como, diceva: “Si moltiplicano sulla verzura, sulle colline e si rispecchiano nelle acque”.

Noi vi consigliamo di esplorare le sue ville circondate da curatissimi giardini ma anche di immergervi nei borghi circostanti ricchi di storia come Varenna, Bellano e Colico, sede dell’Abbazia di Piona. Sono molti anche gli esempi di architettura moderna, tra questi il Novocomum detto anche “il Transatlantico” e opera dell’architetto Giuseppe Terragni, la casa Giuliani Frigerio, il Monumento ai Caduti e l’ex-Casa del Fascio, solo per citarne alcuni.

Cosa visitare sul Lario

Proprio partendo dalla cittadina che dà il nome al lago, si suggerisce una tappa al Museo didattico della Seta, con testimonianze dell’antica tradizione comasca della tessitura. Spostandosi a Cernobbio, c’è Villa d’Este dove Alfred Hitchcock girò il film “Giardino del piacere“; a Ossuccio, invece, ci sono l’Isola Comacina e il Sacro Monte di Ossuccio, patrimonio UNESCO.

Ma i collegamenti con la storia del Cinema non si esauriscono con Villa d’Este perché anche Villa Passalacqua e Villa Balbianello, rispettivamente a Moltrasio e Lenno, sono state teatro di alcune scene di Guerre Stellari e Agente 007 – Casinò Royale.

Un’altra località davvero incantevole è Bellagio per l’eleganza intramontabile espressa da Villa Serbelloni e Villa Melzi ma anche dal Parco botanico. A Lecco si consiglia Villa Manzoni con il Museo manzoniano.

Bellagio.

Lo sport sul lago di Como

Il lago di Como è anche una destinazione per coloro che amano le attività all’aria aperta e gli sport d’acqua come la vela, il canottaggio, il windsurf, lo sci nautico e altri. I più temerari potranno praticare il parapendio o provare il deltaplano da cui si può ammirare dall’alto uno dei gioielli della nostra bella Italia. Per i più tranquilli, non mancano anche le possibilità per attività più tranquille come il trekking e le passeggiate a cavallo.

Il lago di Como offre anche tante opportunità sportive.

Particolarmente suggestivo è il cicloturismo da praticare a Valsassina, una località collegata al ramo lecchese del Lago di Como grazie a due sbocchi, a Lecco e a Bellamo. Un itinerario montano molto piacevole (scopri di più) che attraversa una valle tra boschi e torrenti ma permette anche soste golose per degustare l’eccellente produzione casearia, le diverse varietà di funghi e le castagne locali. 

Dove dormire sul Lago di Como

L’intera zona del lago di Como e dintorni è ricca di strutture ricettive ma una delle più comode, perché situata in centro città, è sicuramente il Park Hotel Meublé, un tre stelle accogliente e strategico per pianificare una vacanza ricca di varie attività, ma anche perfetto per viaggi di lavoro.  

Dalle sue finestre si possono ammirare panorami suggestivi e grazie ai servizi offerti da un personale efficiente e garbato le giornate inizieranno all’insegna del relax e di tanti stimoli. Da qui, infatti, si può partire per un giro turistico dei dintorni, per una gita in battello oppure in idrovolante, visto che il Park Hotel Meublé si trova a pochi passi dal porticciolo del lungolago e dallo storico AeroClub.

Una camera dell’Hotel Meublè

Se amate passeggiare a piedi, da questo Hotel a Como si possono raggiungere comodamente tutte le principali attrazioni della città, dai giardini pubblici, ai monumenti, dai musei ai ristoranti dove degustare la migliore cucina del posto.  

Per chi non arriva in auto, l’Hotel è facilmente raggiungibile in treno dalla stazione di Como S. Giovanni, a sua volta collegata direttamente alla stazione di Milano Centrale.

Se vi abbiamo convinto, preparate subito le valigie per le vostre vacanze settembrine sul lago di Como.

CONDIVIDI SU:
 
  • Gestiamo il tuo blog