La strada che incanta e il racconto della Via degli Dei

thumb image

A Sasso Marconi è andata in scena la proiezione “zero” del documentario dedicato alla Via degli Dei, “La strada che incanta”, che ha visto la partecipazione di molti protagonisti del medesimo documentario

A chiusura della produzione de “La strada che incanta. Storia della scoperta della Via degli Dei”, si è svolta lunedì 18 marzo a Sasso Marconi la proiezione “zero” del documentario dedicato a uno dei cammini più noti, apprezzati e frequentati del Bel Paese e d’Europa, 130 chilometri tra boschi e borghi, arte e cultura lungo l’Appennino tra Emilia-Romagna e Toscana.

Alla serata, riservata a istituzioni, stampa del territorio, operatori culturali e socio-economici, insieme al regista e aiuto regista, era presente anche gran parte della produzione di Gruppo Icaro, a partire dal direttore Francesco Cavalli, e Fabio Abagnato, Responsabile dell’Emilia-Romagna Film Commission. Un appuntamento emozionante, che ha visto anche la partecipazione di molte figure del mondo cinematografico che tanto hanno contribuito alla creazione e allo sviluppo del cammino, per la prima volta tutti insieme per celebrare la Via degli Dei, che in questo 2024 compie i suoi primi 10 anni.

Il documentario, della durata di 78 minuti, racconta di emozioni, di persone e di paesaggi mozzafiato. La raccolta di testimonianze è stata fondamentale, andando a fondo delle vicende dei protagonisti principali, recandosi assieme a loro sui luoghi, cercando materiale d’archivio, ricostruendo la storia, incrociando fonti orali, storiografiche, letterarie, archeologiche.

“La strada che incanta”, ripercorre le vicende di un gruppo di amici capitanati dal bolognese Domenico Manaresi, prematuramente scomparso, che negli anni ’90 andava in giro per osterie e ripuliva sentieri con il gruppo “Dû pâs e ‘na gran magnè”. E poi la storia di Sergio Gardini, tra i protagonisti del documentario assieme alla compagna Marinella Frascari. Una storia che si incrocia con quella di due archeologi per passione, oggi scomparsi, che hanno dedicato la vita alla ricerca delle tracce dell’antica Flaminia Militare: Cesare Agostini e Franco Santi di Castel dell’Alpi. L’originalità del lavoro è raccontare la nascita stessa di questo percorso e riflettere sul tema dell’impegno individuale a favore del bene comune e della natura.

Ad accompagnare il racconto le musiche originali di Massimiliano Rocchetta, compositore e docente ordinario della cattedra di pianoforte jazz al Conservatorio G. Rossini di Pesaro.

Il documentario sarà in distribuzione dal mese di aprile nei circuiti delle sale cinematografiche ACEC Emilia-Romagna e ACEC Toscana e parteciperà ad alcuni festival nazionali e internazionali. Calendario che si concretizzerà nelle prossime settimane. Proiezioni del documentario sono previste anche in occasione degli eventi che si terranno sui territori attraversati dalla Via degli Dei, sia in Emilia-Romagna sia in Toscana, per i 10 anni dalla firma del protocollo d’intenti tra le amministrazioni.

Per informazioni sempre aggiornate sui calendari delle proiezioni, ma anche per vedere contenuti originali ed inediti, consultare il sito www.lastradacheincanta.it e la pagina Instagram lastradacheincanta dedicati al documentario.

RIMANIAMO IN CONTATTO!

Iscriviti alla newsletter e ti aggiorneremo con le ultime novità 😎

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

CONDIVIDI SU:
 
  • Gestiamo il tuo blog
  • Gazzetta del Gusto
  • Servizi web marketing turistico
 

I nostri Partner

Portale Booking Partner
La Gazzetta del Gusto
CiaoUmbria
BolognaBO
Web Agency Food & Travel
Partner Traghetti Lines
Noleggio barche Lipari Isole Eolie
Eolie Solution Case Vacanze Isole Eolie