I turisti responsabili scelgono i Trulli

thumb image

I trulli di Alberobello e della Valle d’Itria caratterizzano, con la loro presenza, l’omogeneità storica e culturale di gran parte del territorio pugliese, non a caso sono Patrimonio dell’Unesco.
I tipici tetti conici, di chiancarelle grigie appoggiate l’una sull’altra che vanno man mano restringendosi verso l’alto, si stagliano all’orizzonte affiancati da vigne e ulivi secolari offrendo uno spettacolo unico al mondo.
Anche se sono diverse le leggi di tutela che hanno riconosciuto l’importanza nazionale dei trulli, ben pochi sono gli incentivi pubblici volti al recupero di queste suggestive costruzioni che riscuotono sempre più interesse turistico a livello mondiale. Oggi il recupero é legato principalmente all’iniziativa privata, che spesso si scontra con gli altissimi costi di ristrutturazione e con la carenza di manodopera specializzata.
Troppo spesso il nostro Bel Paese ha pagato a caro prezzo gli interventi privati finalizzati ad un economia turistico vacanziera, ecco perché ci piace segnalare le iniziative di chi opera nel settore turistico proponendo la conservazione e la valorizzazione paesaggistica di questo scorcio d’Italia particolarmente suggestivo ed unico al mondo.
Decidere di trascorrere le proprie vacanze nella città bianca, la splendida Ostuni e di alloggiare in un’antica masseria Ostuni o in un agriturismo Ostuni, può offrire l’occasione di vivere in appartamenti ricavati da trulli, immersi nei profumi e nelle suggestioni tipiche del Mediterraneo, ma sarà soprattutto una scelta a sostegno di un turismo attento ad interventi di restauro e di recupero delle antiche tecniche costruttive. Sarà il nuovo turista, oggi forse più ecologicamente attento, a contribuire alla salvaguardia del nostro patrimonio storico rurale. Difficile sperare, soprattutto in questo periodo di crisi, in interventi pubblici, ecco perchè la conservazione diventa un obiettivo cui sono chiamati tutti i cittadini al fine di consentire la riappropriazione dell’identità culturale, nostro patrimonio comune.

CONDIVIDI SU: