Lago Moro: alla scoperta del lago nella Valcamonica

thumb image

Tra le colline delle Sorline e di Rodino, in provincia di Brescia, è incastonato l’incantevole Lago Moro, uno specchio d’acqua scura, per via delle rocce di quarzo bruno rossastro che si tuffano nelle sue acque, circondato da boschi di castagni e popolato da pesci come la carpa, l’anguilla o il persico.

Il Lago Moro fa parte dell’area Capo di Lago, una piccola frazione del comune di Darfo Boario Terme, una zona particolarmente frequentata in tutte le stagioni dell’anno per via delle attività che si possono svolgere e della pace che si respira semplicemente passeggiando o sostando sulle rive del lago.

La leggenda sull’origine del Lago Moro

Da anni si tramanda una leggenda sull’origine del Lago Moro: si racconta che tanto tempo fa, al posto del lago ci fosse una radura con due case, una abitata da una donna ricca ed egoista e da suo figlio neonato e l’altra da una donna umile ma buona di cuore. Una sera un viandante chiese rifugio alla donna ricca ma questa lo cacciò via mentre la donna più povera lo ospitò gentilmente.

Il viandante ringraziò la donna per la sua bontà e le consigliò di lasciare quel posto: infatti, per vendicarsi dell’altra donna che non lo aveva ospitato, gettò una maledizione su quel posto che venne completamente allagato dalle acque dando vita così al lago che viene anche chiamato in dialetto “lac de la cuna” (lago della culla) proprio perché nelle notti di luna piena si dice che nelle acque del lago compaia una culla.

Cosa fare presso il Lago Moro

Il Lago Moro è un posto da fiaba in cui respirare aria fresca e pura e ammirare le meraviglie dei boschi circostanti in qualsiasi periodo dell’anno: in primavera si possono fare delle belle passeggiate nella natura o prendere il sole.

In estate il lago diventa balneabile e proprio per evitare un’eccessiva affluenza di gente nella zona di Capo di Lago, il comune di Darfo Boario Terme, ne vieta l’accesso nelle ore diurne mentre nelle restanti, un efficiente servizio navetta permette di raggiungere il posto per godersi una bella gita fuori porta o magari fare un giro in pedalò o in kayak. La zona del lago è anche molto ben servita di locali, bar, aree picnic o panchine per sostare a pieno contatto con la natura.

Da non perdere per chiunque voglia saperne di più sulla flora e la fauna della Valcamonica, è il vicino Osservatorio “Giorgio Gaioni” che permette di osservare le stelle con il telescopio, un’esperienza indimenticabile soprattutto durante le nottate estive.

In inverno e in autunno, la pace e la tranquillità del luogo lo rendono perfetto per staccare dalla routine quotidiana, anche semplicemente per passeggiare godendo dei colori di queste stagioni e per scattare delle fotografie scenografiche.

RIMANIAMO IN CONTATTO!

Iscriviti alla newsletter e ti aggiorneremo con le ultime novità 😎

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

CONDIVIDI SU:
 
  • Gestiamo il tuo blog
  • Gazzetta del Gusto
  • Servizi web marketing turistico
 

I nostri Partner

Portale Booking Partner
La Gazzetta del Gusto
CiaoUmbria
BolognaBO
Web Agency Food & Travel
Partner Traghetti Lines
Noleggio barche Lipari Isole Eolie
Eolie Solution Case Vacanze Isole Eolie