Alla scoperta di Finale Ligure: 8 tappe tra storia e cultura

thumb image

Il Ponente Ligure custodisce un inestimabile patrimonio archeologico e artistico risalente a 350 mila anni fa che si potrà visitare nei mesi di agosto e settembre. Ecco 8 esperienze, tra visite guidate e laboratori didattici, per un appassionante turismo culturale

Negli ultimi mesi lo abbiamo sentito e letto in tutte le salse: il turismo del 2020 ruoterà intorno alle bellezze della nostra Italia (tantissime, per fortuna).

Quella che è stata ed è una delle situazioni più brutte e inaspettate dall’ultimo dopoguerra si potrebbe, quindi, trasformare in una grande opportunità per scoprire tantissime destinazioni nazionali meno famose, poco battute dal turismo di massa e non sufficientemente celebrate.

Ponente Ligure: una terra da approfondire

Una di queste aree è il Ponente Ligure, una parte di regione ricca di bellezza naturali ma anche storiche e archeologiche che meritano di essere approfondite. Finale Ligure (SV), ad esempio, è un autentico museo a cielo aperto che custodisce importanti reperti e testimonianze di un passato antichissimo e glorioso.

Per apprezzare queste bellezze, nei mesi di agosto e settembre sono possibili diverse visite guidate e laboratori didattici organizzati dal Museo Archeologico del Finale, dalla Sezione Finalese dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri e dal Museo Diffuso del Finale.

Finale Ligure: 8 esperienze da vivere se ami archeologia e arte

Una proposta sicuramente eterogenea quella che è stata allestita per l’estate 2020 a Finale Ligure; può coinvolgere turisti di ogni età tra percorsi storici e archeologici, attività e laboratori per bambini ma anche trekking nella natura rigogliosa.

Un modo insolito per visitare Finale Ligure e la Liguria che in estate è più apprezzata per il turismo balneare, ma siamo sicuri che il viaggiatore non resterà deluso nelle sue aspettative. Ecco 8 esperienze da godersi, previa prenotazione.

1. La Caverna delle Arene Candide

Scoprire la Caverna delle Arene Candide lascia senza parole perché questa grotta, tra le più importanti del Vecchio Continente, è un autentico “santuario della preistoria europea” dove hanno soggiornato moltissimi uomini, come attestano le traccie lasciate.

La caverna è caratterizzata da una fitta sequenza di strati archeologici che iniziano nel Paleolitico superiore (a partire da 34.400 anni fa), quando serviva da riparo e luogo di sepoltura per i cacciatori paleolitici. Nell’epoca neolitica, fu usata come stalla e accolse anche le tombe degli allevatori e agricoltori dell’epoca. Particolarmente suggestiva è la tomba del “Giovane Principe”, un cacciatore del Paleolitico superiore morto intorno ai 15 anni per un violento trauma al volto e sepolto con gli onori di un capo insieme a un ricco corredo, ritrovato quasi intatto.

Caverna delle Arene Candide

La tomba del “Giovane Principe” nella Caverna delle Arene Candide (Foto © MUDIF).

Tutta la storia della grotta è raccontata e illustrata, in maniera interattiva, presso il Museo Archeologico del Finale con le ricostruzioni della necropoli del Paleolitico e delle tombe neolitiche e l’esposizione dei principali reperti trovati nell’anfratto.

Ad agosto e settembre, le visite guidate sono disponibli il giovedì (alle 10.00 e alle 11.30) e il sabato (alle 16.00 e alle 17.30). Prenotazione obbligatoria al numero 019 690020.

2. Teatro Aycardi (Finalborgo)

Teatro Aycardi

Il Teatro Aycardi a Finalborgo (Foto © MUDIF).

Il Teatro Aycardi, nel cuore di Finalborgo, risale all’Ottocento e nel 2019 è stato riportato all’antico splendore con un accurato restauro. La bellezza e l’opulenza di quello che è il più antico teatro ligure, rivela il fermento culturale presente in città all’epoca della sua costruzione.

Nei mesi di agosto e settembre, si può visitare ogni sabato (dalle 17 alle 20) e la domenica (dalle 10 alle 13).

3. Museo Archeologico del Finale

Per scoprire il percorso umano e artistico del Finalese dalla Preistoria ad oggi, il Museo Archeologico del Finale mette in mostra un inestimabile insieme di reperti archeologici, ricostruzioni, diorami e ambientazioni scenografiche.

Il Museo, che dal 1931 è gestito dall’Istituto Internazionale di Studi Liguri, è stato recentemente riallestito nel Complesso Monumentale di Santa Caterina in Finalborgo e, nei mesi di agosto e settembre, è protagonista di un cartellone di visite guidate e attività per bambini tutti i giovedì (dalle 10 alle 11, dalle 11 alle 12, dalle 16 alle 17 e dalle 17 alle 18). La prenotazione è obbligatoria telefonando al numero 019 690020.

Per conoscere il dettaglio degli eventi, delle attività e delle visite: www.museoarcheologicodelfinale.it

4. Perti Alta – il Rinascimento finalese

La ricchezza delle testimonianze rinascimentali caratterizza un percorso guidato nell’area di Perti, che domina il borgo medievale di Finalborgo. Si scopriranno Castel Gavone, la Chiesa di Nostra Signora di Loreto e la chiesa di San Sebastiano, tutti monumenti rinascimentali. Viiste previste per sabato 8 agosto (ore 17.00-20.00) e sabato 5 settembre (ore 16.00-20.00).

Prenotazione obbligatoria entro le 12 del giorno stesso dell’escursione, chiamando il Museo Archeologico del Finale allo 019 690020 o la Cooperativa Sibilla al 346 2257005 (anche Whatsapp) oppure compilando il form al link.

5. Archeo-trekking

Se durante la visita a Finale Ligure si cercano anche immersioni nella natura e si vogliono esplorare le testimonianze del passato, ad agosto e settembre, il Museo Archeologico del Finale organizza trekking tra i siti archeologici e monumentali dai quali provengono molti reperti esposti nelle sale del Museo stesso. Per il calendario e le modalità di prenotazione: archeotrekking

6. Fortezza di Castelfranco

Fortezza di Castelfranco a Finale Ligure

Fortezza di Castelfranco (Foto © www.fortezzadicastelfranco.com)

Ad est dell’abitato di Finalmarina, su uno sperone roccioso a circa 30 metri sul livello del mare, sorge la Fortezza di Castelfranco costruita nel 1365 dai Genovesi. Lo scopo era quello di una torre di guardia durante le lotte contro i marchesi Del Carretto, per la conquista del finalese.

Mercoledì 12 e 26 agosto, in due turni (dalle 10 alle 11 e dalle 11 alle 12), si potranno visitare la Fortezza di Castelfranco e il Centro di Documentazione Multimediale Storico-Territoriale (CeDMuST) per ammirare i reperti del periodo medievale (torre ottagonale centrale e bastione di Mezza Lama) e elementi delle epoche successive. Prenotazione obbligatoria allo 019 690020.

7. Complesso Monumentale di Santa Caterina in Finalborgo

Le visite guidate, organizzate ad agosto e settembre, mostreranno il ciclo di affreschi medievali della Cappella di Santa Maria degli Oliveri, nella chiesa domenicana di Santa Caterina in Finalborgo.

Complesso Monumentale di Santa Caterina

Complesso Monumentale di Santa Caterina (Foto © Museo Archeologico del Finale).

Venerdì 7, 14, 21 e 28 agosto e venerdì 4, 11, 18 e 25 settembre sono previste visite guidate e attività didattiche per bambini (da 10 anni in su). Prenotazione obbligatoria allo 019 690020.

8. Arma delle Mànie: “Un mercoledì da preistorico”

Una delle esperienze più appassionanti che può coinvolgere tutta la famiglia nell’approfondimento della preistoria, è la visita all’antro dell’Arma delle Mànie.

Mentre i bambini impareranno ad accendere il fuoco, a dipingere con pigmenti naturali e a costruire antichi strumenti musicali, gli adulti potranno visitare, accompagnati da un archeologo, due dei più interessanti siti del Finalese, ripercorrendo la storia dell’Uomo di Neanderthal e dell’Homo Sapiens fino all’invenzione dell’agricoltura e dell’allevamento.

L’iniziativa ‘Un mercoledì da preistorico’ si svolge mercoledì 5 e 19 agosto e mercoledì 2 settembre, ore 10.00-12.00. Prenotazione obbligatoria allo 019 690020. Per informazioni e prenotazioni: Museo Archeologico del Finale – www.museoarcheofinale.it

CONDIVIDI SU: