Visitare i tesori meno conosciuti di Firenze con le Giornate FAI di Primavera

Visitare i tesori meno conosciuti di Firenze con le Giornate FAI di Primavera

Il patrimonio culturale della Toscana è universalmente conosciuto come uno dei più ricchi su scala mondiale. Firenze , in particolare, viene considerata come la città d’arte per antonomasia e, ogni anno, continua ad attirare milioni di visitatori da ogni angolo del mondo. Infatti, il capoluogo toscano racchiude un quantitativo impressionante di capolavori architettonici e artistici, che va ben oltre le mete generalmente prese d’assalto dal turismo di massa.

Una buona occasione per conoscere anche gli altri luoghi d’interesse della Culla del Rinascimento e della sua bella provincia arriva con l’evento organizzato dal Fondo Ambiente Italiano, le Giornate FAI di Primavera. Si tratta di due giornate, sabato 22 e domenica 23 marzo, in cui verranno aperti al pubblico alcuni siti di grande interesse culturale, che potranno essere esplorati attraverso dei tour guidati dai soci dell’associazione.

Quest’anno, ad esempio, sarà possibile visitare: Villa La Quiete, uno splendido complesso residenziale che racchiude alcuni capolavori di Botticelli, Ridolfo del Ghirlandaio e Massimo d’Azeglio; il Sacello Rucellai, che per l’occasione estende la possibilità d’ingresso anche all’interno del tempio, dove si trovano numerosi affreschi; il Museo Marino Marini, che ospita quasi 200 sculture di quello che è uno degli artisti più intriganti del XX secolo; la Gipsoteca dell’Istituto d’Arte di Porta Romana, che conserva uno dei più grandi archivi di opere in gesso d’Europa; il Palazzo Strozzi Sacrati con i suoi meravigliosi dipinti, distribuiti sui  tre piani di questo storico edificio; il Complesso di Sant’Apollonia, il cui restauro ha reso accessibili luoghi come l’auditorium e l’ex refettorio, dove si possono ammirare gli affreschi del Poccetti e di Andrea del Castagno.

Se pensate di alloggiare in città, l’ideale, ovviamente, sarebbe riuscire a trovare una sistemazione che non costi una fortuna, in modo da poter prolungare il vostro soggiorno, estendo il tour culturale anche agli altri spazi FAI ubicati nelle immediate vicinanze. Tenendo d’occhio i portali di viaggio on line, potreste trovare offerte di alloggi economici che vi consentano di vivere una Firenze al risparmio, in modo da utilizzarla anche come punto di partenza strategico per raggiungere gli altri tesori presenti nel territorio della provincia. Tra questi, meritano certamente una visita il Giardino di Villa Peyron, ubicata al civico 2 di Via di Vincigliata di Fiesole (a una decina di chilometri dal capoluogo), e la meravigliosa Abbazia di San Salvatore e San Lorenzo, che si trova al numero  15 di Via San Lorenzo a Scandicci (a una distanza di circa 6 chilometri).


2 Commenti a Visitare i tesori meno conosciuti di Firenze con le Giornate FAI di Primavera

  1. hotel economico a Firenze

    Noi abbiamo visitato Firenze con la famiglia l’Estate scorsa, che dire? città meravigliosa da visitare ancora e ancora! abbiamo alloggiato presso l’hotel Loggia Fiorentina, economico e ben posizionato in città.

  2. Firenze è veramente una capitale mondiale della cultura. Le sue opere, conosciute in tutto il mondo, sono ben valorizzate e lasciano senza fiato.
    Se un turista dovesse chiedersi what to do in florence? avrebbe l’imbarazzo della scelta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *