Vacanze in Sardegna: ecco i suggerimenti per farle al meglio

Vacanze in Sardegna: ecco i suggerimenti per farle al meglio

Spiagge incontaminate, acque cristalline, paesaggi mozzafiato. La Sardegna è questo e molto di più. Meta prescelta da molti italiani e non solo, ha finito con il diventare il sogno di tanti vacanzieri. Tantissimi i luoghi costieri e dell’entroterra da visitare, svariate le modalità di soggiorno. Proviamo a dare qualche piccolo suggerimento per cercare di organizzare al meglio le vacanze in questa splendida isola.

COME GIUNGERE IN SARDEGNA

L’aereo vi permetterà certamente di abbreviare le distanze, ma sarà poi necessario noleggiare un mezzo per potersi spostare. Se invece desiderate inserire nel programma anche le escursioni per non perdere nulla della Sardegna, allora il consiglio è quello di munirsi di automobile, e con il traghetto è possibile imbarcare la propria.
Mediterraneo Traghetti, è il sito italiano dedicato alla prenotazione di navi e traghetti che permette di raggiungere le più belle destinazioni del Mediterraneo fornendovi la migliore soluzione di trasporto. Sul sito è infatti possibile prenotare uno dei tanti traghetti per raggiungere la Sardegna confrontando le offerte commerciali delle varie compagnie di navigazione come Moby, Grimaldi Lines, Grandi Navi Veloci e tante altre.

QUANTO COSTA UNA VACANZA IN SARDEGNA

Prima ancora che la località, è consigliabile fissare il budget. In base alle disponibilità del proprio portafogli si potranno stabilire: la durata della vacanza, il mese di riferimento (e quindi alta o bassa stagione), il tipo di alloggio (dall’hotel 5 stelle all’appartamento, passando per il villaggio turistico), le eventuali escursioni (che possono essere a pagamento con una guida turistica o in modalità fai da te), e le condizioni del soggiorno (low cost oppure all inclusive).

ORGANIZZARE UNA VACANZA ECONOMICA IN SARDEGNA SI PUO’ 5 SEMPLICI CONSIGLI.

  1. Nonostante i cambiamenti climatici, settembre è un mese che permette ancora di beneficiare di un buon sole estivo. Una vacanza settembrina ha in sé anche il vantaggio di poter godere dell’isola senza il sovraffollamento tipico del periodo giugno-agosto.
  2. Le offerte last minute possono essere convenienti dal punto di vista economico, ma lasciano poca scelta in termini di destinazione. Quindi il consiglio è: prenotare con largo anticipo per poter dare maggiore spazio anche all’organizzazione.
  3. Dopo aver selezionato le strutture, le abitazioni o i villaggi di vostro interesse chiedete sempre un preventivo, vi permetterà di comparare prezzi e servizi e scegliere quello che più di tutti si confà alle vostre esigenze.
  4. Le destinazioni più conosciute rappresentano una garanzia in termini di successo, ma scegliere luoghi meno inflazionati può essere un ulteriore modalità di risparmio.
  5. Le mete turistiche più economiche sono: Le spiagge di Marina di Gonnessa, Portoscuso, l’isola di Sant’Antioco, Fluminimaggiore, La grotta di San Giovanni

E infine, 5 LUOGHI IMPERDIBILI IN SARDEGNA … e gli abitanti del posto confermano la loro straordinaria bellezza.

  1. Cala Mariolu
    Cala Mariolu, situata nel Golfo di Orisei, è stata così denominata dai pastori di Baunei dell’entroterra, ed è detta anche Ispuligidenie, nome fortemente voluto dai pescatori ponzesi all’inizio del novecento.
    E’ un tratto di costa lunga all’incirca 300 metri, di impareggiabile bellezza per via delle acque cristalline e della spiaggia bianchissima formata da piccolissimi ciottoli bianchi levigati nel tempo dall’acqua del mare, e che per questo sono stati soprannominati “le pulci di neve”, che in sardo baunese è tradotto con “su puligie de nie”, e da qui Ispuligidenie.
    Il modo più semplice per raggiungere la cala è via mare, ma esiste anche un sentiero via terra.
  2. Villaggio Tiscali
    E’ un sito archeologico situato sul Monte Tiscali (appena 518 m s.l.m.) nel comune di Oliena e Dorgali. Il villaggio si fa risalire all’età nuragica (XV/XIV – IX/VIII secolo a.C.), e i suoi resti si trovano all’interno della dolina carsica sulla sommità del monte. Per visitare il villaggio è necessario addentrarsi nella cavità attraverso un’ampia apertura nella roccia: una volta all’interno, saranno visibili due agglomerati di capanne di diversa dimensione un tempo parte del villaggio costruito interamente sulla parete di dolina.
  3. Cala Goloritzé
    In provincia di Nuoro, a sud del Golfo di Orisei, ritroviamo la Cala Goloritzé, un luogo strepitoso che ha avuto origine da una frana nel 1962, e capace di mettere d’accordo i più sportivi, grazie alle possibilità di arrampicata sportiva (la più nota è la Sinfonia dei Mulini a vento), e gli amanti del relax grazie al paesaggio davvero suggestivo. E’ nota per un pinnacolo di 143 metri che si erge sulla roccia, un arco naturale sul lato destro della parete rocciosa e una sorgente di acqua dolce che dal sottosuolo si riversa in mare. Cala Goloritzé è stato dichiarato monumento nazionale italiano nel 1995.
  4. Arcipelago di La Maddalena
    Noto ai più, è un gruppo di isole al largo della Costa Smeralda, così denominata per via delle acque color smeraldo. L’arcipelago e le sue spiagge sono parte integrante del Parco nazionale dal 1994 e pertanto è necessario dotarsi di apposite autorizzazioni se si vuole fare immersioni subacquee, pesca sportiva e attività economiche a mare.
  5. Chia
    Costa sud occidentale della Sardegna, nel Golfo degli Angeli. Chia, o Baia di Chia, ha in sé spiagge spettacolari: Sa Tuerra, Porto Campana, Spiaggia de Su Sali e Su Giudeu, considerata tra tutte quella mozzafiato. Una lunga distesa di ginepri abbraccia questa lingua di spiaggia bagnata da acque cristalline e incontaminate.

La Sardegna è molto vasta: è impossibile visitarla tutta in una volta, ma con una buona organizzazione, sarà possibile toccare più posti in poco tempo, riempirsi gli occhi delle meraviglie paesaggistiche e, magari, risparmiare qualche euro per le prossime vacanze! Per coloro che giungono dal centro Italia è consigliabile prenotare online il traghetto da Civitavecchia a Porto Torres, molto richiesto da coloro che vogliono vistare il nord dell’isola.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *