Salina gourmet, un’isola da gustare

Salina gourmet, un’isola da gustare

Quando viaggiamo il cibo e l’enogastronomia in generale diventano parte integrante della scoperta, stuzzicando il palato, fornendo una chiave importante per capire davvero usi e tradizioni del posto.

Per questo, ecco una breve guida per foodies, golosi e affini, con alcuni indirizzi da non perdere sull’isola di Salina.

A Salina il pesce la fa da padrone: cozze, polipi, vongole, gamberi, alici, cernie, ricciole e tonno sono alcune della materie prime utilizzate. Il risultato finale è pieno di gusto e profumi e va ben oltre il consueto fritto misto: tortino di alici e caponata, cassata di tonno con pesto alle mandorle, linguine calamari e melanzane sono alcuni degli spunti dal menu del ristorante Porto Bello, sul lungomare di Santa Marina Salina. Da Il Delfino, nella frazione di Lingua, vi consigliamo in proposito gli involtini di pesce spada.

Troviamo poi altri ingredienti che occupano un posto speciale: è il caso del cappero di Salina, presidio Slow Food ed elemento ricorrente nei piatti del luogo. Il cappero è spesso abbinato ad altri ingredienti tipici, tra i quali origano e pomodoro, per salse che rendono paste, spezzatini di carne e guazzetti di pesce davvero imperdibili.

Come fine pasto o spuntino, provate la frutta. Ad esempio, alla Locanda del Postino i fichi sono declinati in un’ottima marmellata, che vi consigliamo di assaggiare però a colazione.

E per chiudere in bellezza, i dessert: oltre alla cassata o al tradizionale cannolo siciliano con la ricotta (vi consigliamo, se volete provarlo, quello del ristorante Nni Lausta), a Salina potrete assaggiare rivisitazioni come ricotta con miele caldo, uva passa e pistacchio oppure Malvasia dell’isola con cantucci alle mandorle fatti in casa.

Al ritorno, ghiotti regali da fare ad amici e parenti: da Nni Lausta, ristorante stellato Michelin e famoso in tutto il Mondo, potete acquistare la Salsa Salina, la capperonata e anche la composta di limoni, ideale per accompagnare i gelati oppure da abbinare al limoncello siciliano.

Insomma, l’isola di Salina è in grado di soddisfare tutti i palati, dai più rustici ai più raffinati.

Per scoprire altre interessanti opportunità di gustare le specialità dell’isola di Salina consultate www.lovesalina.it, nuovo portale turistico dedicato a questa perla delle Eolie.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *