Valle d’Aosta: scoprire la regione più piccola d’Italia

Valle d’Aosta: scoprire la regione più piccola d’Italia

La Valle d’Aosta è la regione più piccola d’Italia, seguita a ruota dal Molise, e presenta la più bassa densità di popolazione a causa della conformazione del territorio, interamente montuoso. La presenza delle alte montagne ostacola gli insediamenti e rende difficile lo sfruttamento agricolo del territorio, basato per lo più sulla coltivazione di patate, vite e alberi da frutta come meli e peri. Molto diffuso è l’allevamento dei bovini e gli alti pascoli sono sfruttati per la produzione di vari formaggi. Le attività agricole si integrano con la vocazione turistica della regione e numerose sono le località che presentano degli agriturismi: qui la tradizionale ospitalità degli agricoltori valdostani permette di entrare in contatto con la realtà contadina, lontana dal lusso e dalla raffinatezza delle grandi stazioni turistiche.

Architettura, castelli e fortezze della regione

Valle d'Aosta: scoprire la regione più piccola d'Italia

Arco d’Augusto, Aosta

La città principale della regione è Aosta, fondata nel 25 a.C. dai Romani con il nome di Augusta Praetoria in onore dell’imperatore Augusto. Il simbolo della città è proprio l’Arco d’Augusto costruito nell’anno della fondazione per commemorare la vittoria sul popolo dei Salassi. In città si possono ammirare anche la collegiata di Sant’Orso, la piccola chiesa sconsacrata di San Lorenzo, la Porta Praetoria, la Tour Fromage, il Teatro Romano e l’Anfiteatro, la Torre del Lebbroso e il Castello di Bramafam.

In Val d’Aosta sono presenti numerose fortezze e torri di guardia che spesso sono aperte al pubblico. Disseminate in tutta la regione, notevoli sono fra esse il castello di Sarre, quello di Aymavilles, quello di Sarriod de la Tour, il castello di Fénis, di Ussel, di Saint Pierre, di Issogne, di Verrès e il forte di Bard.
La parte meridionale della regione è occupata dal meraviglioso Parco nazionale del Gran Paradiso che è il più antico parco italiano. Qui, fra una natura spesso incontaminata, si possono vedere specie animali in pericolo di estinzione, come stambecchi, camosci, marmotte ed ermellini.

Sciare in Valle d’Aosta: dove e cosa si può fare

Valle d'Aosta: scoprire la regione più piccola d'Italia

Courmayeur

Nel nord della Valle d’Aosta sono presenti le più alte montagne d’Europa: il Monte Bianco, il Monte Rosa e lo splendido Cervino, ma tutte le montagne aostane sono estremamente belle e famose per le rinomate località sciistiche. Vi si può sciare da novembre ad aprile ed in estate è possibile farlo sui ghiacciai d’alta quota. Tantissimi sono i km di piste dove si può praticare sci di discesa, sci di fondo, telemark, snowboard, carving e sci alpinismo ammirando paesaggi meravigliosi. Particolarmente frequentate sono La Thuile, Courmayeur, Pila, Cogne, Cervinia e Gressoney.

 


Se vuoi ricordare o condividere questa pagina, scatta una foto al QR Code! E' unico e lo puoi condividere su facebook, su twitter .... ovunque!!! QR:  Valle d’Aosta: scoprire la regione più piccola d’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *