Livigno e il turismo invernale

Livigno e il turismo invernale

Chi dice Livigno dice neve. Dall’alto dei suoi 1800 metri sopra il livello del mare (è il secondo comune più elevato d’Italia), la località montana dell’alta Valtellina regala da decenni ai turisti paesaggi mozzafiato e sciate di qualità. Seguendo i consigli del portale Livigno.eu vi sono diverse attivitá che non si possono perdere. Gli amanti degli sport invernali che scelgono il “Piccolo Tibet” (questo l’appellativo che Livigno si è guadagnato per l’analogia con l’altopiano dell’Himalaya) hanno davvero l’imbarazzo della scelta: dallo sci allo snowboard, dal fondo alle ciaspole, dal telemark allo sci alpinismo, dalle escursioni a cavallo al parapendio. D’altra parte, in questo angolo di Parco Nazionale dello Stelvio al confine con la Svizzera i primi fiocchi cominciano a scendere già ad ottobre e imbiancano le distese erbose fino a maggio. In questi mesi la neve caratterizza non soltanto il paesaggio circostante ma anche gli eventi che animano la zona. L’autunno e l’inizio dell’inverno sono all’insegna dello sci e in particolare della “Sgambeda”, la tradizionale maratona di sci di fondo (35km) alla quale partecipano atleti di tutto il mondo che si svolge solitamente all’inizio di dicembre. E dicembre è anche il mese dei mercatini di Natale. In questo periodo dell’anno le casette di legno popolano la piazza della Chiesa Santa Maria Nascente e offrono ai turisti la possibilità di degustare piatti tipici della gastronomia valtellinese, caldarroste, vin brûlé, e altri dolci locali come la Bisciola. I visitatori possono quindi conciliare la passione per lo sport con il piacere di passeggiare in un’atmosfera natalizia genuinamente alpina.

Ma è inutile girarci intorno: il vero protagonista dell’inverno livignese è lo sci. Non a caso il sito di viaggi GoEuro.it ha inserito la località della Valtellina tra le migliori stazioni sciistiche d’Europa. Chi sceglie di “giocare in casa” e trascorrere qui la classica settimana bianca può godere di un’ampia offerta di strutture e piste e partecipare a eventi come l’European Free Ride Festival (14-17 gennaio 2016). Di piste ce ne sono per ogni livello (12 piste nere, 37 rosse e 29 blu) e per i più spericolati c’è anche la possibilità di fare fuoripista. Livigno si può raggiungere con la combinazione treno fino a Tirano e poi autobus. L’aeroporto più vicino è quello di Innsbruck (180km) ma anche negli scali di Milano Linate e Orio al Serio è attivo un servizio navetta diretto. Se invece si viaggia in auto, prima di mettersi sulla strada è sempre buona abitudine verificare le condizoni del Tunnel Munt La Schera e l’agibilità dei passi.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *