Lisbona, cosa vedere in autunno

Lisbona, cosa vedere in autunno

Per una strana casualità nei mercoledì dedicati alle capitali europee abbiamo trattato solo capitali legate all’acqua e dopo Copenaghen, ormai consapevoli della casualità, ci spingiamo sull’Atlantico con “Lisbona, cosa vedere in autunno“.
La capitale portoghese, in questi ultimi mesi dell’anno, si presenta molto vivace e con varie tipologie di eventi che, come sempre, evidenziamo per categorie:

ARTE
A novembre si tiene la famosa ARTE LISBOA la Fiera Internazionale dell’Arte Contemporanea di Lisbona, a cui aderiscono molte gallerie d’arte contemporanea e moderna.

Dall’11 al 14 ottobre 2018, si svolgerà inoltre la Lisboa Fashion Week al Carlos Lopes Pavilion, nei pressi del Parque Eduardo VII (a 10 minuti di passeggiata da Praça Marquês de Pombal e dalla Fondazione Gulbenkian). Durante la Settimana della moda, i designer portoghesi presentano le loro nuove collezioni e tendenze.

SPORT
Per gli appassionati dei cavalli segnaliamo, a circa 100 km da Lisbona, una delle feste storiche portoghesi, la Fiera Nazionale del Cavallo e di San Martino di Golegà.
Un evento che vi permetterà di assistere all’esibizione e competizione dei magnifici purosangue lusitani, con tanto di aste dei puledri e una festa finale con castagne e vino novello.
Occorre invece attendere fino al 14 ottobre 2018 per la Maratona internazionale di Lisbona, una tra le più popolari in Europa e che per gli organizzatori non rappresenta solo una gara ma anche un’occasione per apprezzare la ricchezza storica di Lisbona.

ENOGASTRONOMIA 
I buongustai non mancheranno l’appuntamento con il Festival Nacional de Gastronomia dal 19 al 29 ottobre 2018 a Santarem che permette di conoscere le specialità regionali del Portogallo.
Anche il vino portoghese, rinomato in tutto il mondo, diviene protagonista nell’autunno di Lisbona perché anche qui l’11 novembre, giorno di San Martino si festeggia il vino novello. L’atmosfera in città è davvero suggestiva perché, secondo la tradizione locale, le strade si riempiono di ambulanti che preparano le caldarroste e, insieme al vino nuovo, si possono gustare bevande tipiche come l’água-pé e la jeropiga.

FESTIVITA’
A novembre si celebra la tradizionale festa di Ognissanti e il primo di dicembre la Festa dell’Indipendenza per ricordare l’indipendenza dalla Spagna del 1640, occasione in cui ci saranno vari avvenimenti di carattere culturale.

CURIOSITA’
Diversi ma entrambi particolari i due musei che suggeriamo: il Museo dell’Azulejo e quello delle Carrozze.
Il Museo Nazionale dell’Azulejo vanta la maggiore collezione di Azulejo – ceramica – del mondo, circa 7300 pezzi, caratterizzato da opere in azulejos, documenti grafici ed utensili tecnici.

Lisbona, cosa vedere

Un prezioso e magnifico “Azulejo”, custodito nel Museo Nazionale dell’Azulejo.

Il Museo delle Carrozze, unico nel suo genere, si trova nell’antico Palazzo di Belèm e presenta una vasta collezione di carrozze reali dal ‘600 all’800.

Dal 26 ottobre all’11 novembre 2018 invece, gli appassionati del fumetto saranno accontentati. Al Fórum Luís de Camões, Rua Luís Vaz de Camões, Amadora si svolgerà un’importante fiera del settore. Qui trovi mostre dei migliori autori nazionali e stranieri e puoi partecipare a sessioni di autografi. Dalla stazione di Lisboa Rossio a quella di Reboleira, in treno sono circa 15 minuti.

PERNOTTAMENTO
Tipiche del Portogallo sono le pousadas, dimore prestigiose e di valore storico recuperate e  trasformate in hotel che però non sono presenti nella capitale per cui, volendo cercare un’offerta competitiva si può trovare una buona sistemazione negli hotel economici di Lisbona.

Lisbona è la città delle salite e delle discese, adagiata sui sette colli con gli elevador che la collegano alla città baixa,  ma è anche la città dell’Alfama, il quartiere arabo dai vicoli stretti in cui i tram passano a stento.
Esiste anche una Lisbona malinconica, quella del Fado, quella poetica di Saramado e quella gastronomica, con le tasche, le piccole trattorie locali e i 365 modi diversi per cucinare il baccalà.
Divertitevi a coglierne i vari aspetti ricordando che le sue strade sono diventate universali anche grazie alle parole di Ferdinando Pessoa, il più grande scrittore e poeta portoghese del secolo scorso.

E siamo piccoli, stupiti viaggiatori soli e tutto questo vento intorno invece è Lusitania…

I. Fossati

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *