I Flea Markets di New York

I Flea Markets di New York

Oltre ai musei, agli incredibili grattacieli, agli spettacoli ed alle affollate strade di New York, una delle mete obbligatorie della Grande Mela sono i suoi mercati. Questa città offre un’ampia scelta di mercatini all’aperto, detti anche “Flea Market”, il termine newyorkese che tradotto significa “mercato delle pulci”. Inoltre, sebbene possa sembrare strano, a New York ci sono tantissimi mercati ortofrutticoli dove scoprire i colori e i sapori della cultura culinaria di questa terra.

I mercati sono diventati luoghi molto famosi e frequentati da turisti provenienti dai quattro angoli del pianeta, ma anche per gli stessi newyorkesi. Qui è anche facile imbattersi in celebrità del mondo della cultura e dello spettacolo.

Grazie a questi mercati, fare degli affaroni è un gioco da ragazzi.  Alcuni degli articoli che possiamo acquistare sono: abbigliamento vintage, gioielli, articoli d’arte e decorazioni, giocattoli, ricambi per bici, pezzi d’antiquariato, mobili, accessori… e la lista potrebbe continuare. D’altronde, nei greenmarkets si possono trovare innumerevoli varietà di cibo biologico, frutta, verdura, pane casereccio, marmellate, formaggi, degustazioni di vini provenienti da tutto il mondo e tanti altri prodotti distribuiti nei diversi mercatini della città.

Ma, che cosa vedere a New York se si è interessati allo shopping vegan e ai mercati green? Due dei flea markets più conosciuti sono Hell’s Kitchen ed il Hester Street Fair:

Il mercatino Hell’s Kitchen è la nuova sede del famoso The Annex, ed è il paradiso per gli amanti dell’usato, dell’antiquariato, del garage fashion e della moda vintage. Con più di cento venditori, questo mercato è formato da due aree, una all’aperto e un’altra al chiuso. Alcuni degli oggetti che possiamo trovare nelle sue bancarelle sono articoli per la casa, mobili d’epoca, gioielli, pane fresco e barattoli di confettura casereccia fatta nelle fattorie Amish. Nella parte sud della quarantaduesima strada, il mercato offre un vasto panorama della città, tra cui l’Empire State Building, The New Yorker Hotel o il nuovo edificio del New York Times.

Hester Street Fair è un mercato dove è possibile comperare capi d’abbigliamento e accessori, e dove si organizzano eventi originali come la “Summer Stylist Tent”. L’ultimo weekend di ogni mese si realizza una “svendita” dove si puossono trovare vestiti e accesori firmati, disegnati dai maestri della moda, ad un prezzo stracciato. Inoltre, ogni sabato durante il mese di agosto, Hester Street Fair allunga il suo orario fino alle 22.00. Se volete acquistare abbigliamento e articoli vintage in un ambiente vivace e animato da Dj set, assaporando un aperitivo al Pushcart Coffe o al Metro Empanadas, questo è il posto che fa per voi.

Per quanto riguarda i greenmarkets, può sembrare incredibile ma nella capitale del cibo spazzatura queste oasi salutiste sono un pò ovunque! Due dei greenmarket più conosciuti della città sono l’Union Square Greenmarket e il 97th Street Greenmarket.

L’Union Square Greenmarket è un bel mercato all’aperto con una vasta quantità di bancarelle piene di prodotti freschi esposti con grande cura dei particolari. Latticcini, piante, frutta e verdura sono alcuni dei prodotti in vendita, di cui molti biologici e a km 0. Alle prime ore della mattina, è possibile incontrare gli chef più benvoluti della città, che vengono spesso a scegliere i prodotti da cucinare nei loro ristoranti.

Il 97th Street Greenmarket è uno dei mercati rurali più antichi della urbe. Alcuni dei suoi prodotti di punta sono il miele, i formaggi artigianali, la frutta e diversi tipi di funghi, così come ottimi panini e snack. Inoltre, si offrono lezioni di cucina e si scambiano ricette. Le bancarelle più conosciute sono Dipaola Turkey Farm, Sun Fed Beef, Farmersville Sheepsmilk Chese e Red Jacket Orchards. Tra i numerosi edifici, clacson e negozi questo piccolo mercato rionale rappresenta una vera oasi nel cuore della città, dove rifugiarsi durante le ore di punta.

New York è una metropoli meravigliosa e piena di sorprese. Se siete in procinto di visitare l’Empire State Building, il Museo Americano di Storia Naturale, il MoMA, il Guggenheim e la Statua della Libertà, perché non rivolgere prima lo sguardo ad uno dei luoghi meno turistici ma al tempo stesso più caratteristici della città?


Se vuoi ricordare o condividere questa pagina, scatta una foto al QR Code! E' unico e lo puoi condividere su facebook, su twitter .... ovunque!!! QR:  I Flea Markets di New York

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.