Fontanafredda: il borgo e le sue cantine

Fontanafredda: il borgo e le sue cantine

La tenuta e le cantine di Fontanafredda sono state una pretesa di Emanuele di Mirafiori, figlio di Vittorio Emanuele II, nel 1878.

La ormai ultra secolare casa vinicola (di circa 54 ettari vitati) è degna di una visita, soprattutto la Casa di Caccia della Bela Rosin, che, dettagliatamente restaurata, conserva tutto il fascino dell’800.

I vellutati salotti che ospita furono teatro di beghe amorose tra il re Vittorio Emanuele II e la bella popolana Rosa, fatta poi contessa di Mirafiori e moglie morganatica del Re.

L’attività commerciale a Fontanafredda comincia nel 1878, grazie alla passione e alla lungimiranza di Emanuele Guerrieri Conte di Mirafiore, figlio del re e della Bela Rusin.

Fontanafredda, la storia dei Paschi di Siena

Dopo un susseguirsi di alti e bassi per la zona, più bassi che alti, con il primo conflitto mondiale a causa dell’opera scellerata di speculatori, faccendieri e soci di dubbia capacità, si arrivò al fallimento della tenuta.

Nel 1930 viene dichiarato il fallimento di Fontanafredda e nel 1932 il Monte dei Paschi di Siena riesce ad aggiudicarsi l’asta fallimentare della tenuta.

Grazie alla tenacia, nonostante la seconda guerra mondiale, la banca senese fa rifiorire l’attività produttiva dell’azienda fino a raggiungere la fioritura economica odierna.

Nel 2008 Fontanafredda è stata ceduta ad una cordata di cui la Fondazione Monte Paschi di Siena è capofila (e Farinetti socio) e solo 10 anni dopo è tornata definitivamente in mani piemontesi.

A Fontanafredda è possibile visitare molte cose come le cantine, il borgo, ma anche la Villa Reale, il lago e il Bosco dei Pensieri.

Fontanafredda, dalle Langhe con passione

Fontanafredda è situata nel cuore delle Langhe, un verdeggiante paesaggio di colline dalle origini epocali. In ogni periodo dell’anno le cantine storiche di Fontanafredda  possono essere visitate dopo una meravigliosa passeggiata meditativa e contemplativa all’interno del “Bosco dei Pensieri”, quattro passi in libertà e in piena autonomia da parte dei visitatori.

A pagamento e su prenotazione si può invece effettuare una splendida visita curiosa alle cantine di Fontanafredda: cantine calice di Barolo in degustazione a prezzi modici.

Le visite alle cantine possono essere fatte tutto l’anno su prenotazione.


Se vuoi ricordare o condividere questa pagina, scatta una foto al QR Code! E' unico e lo puoi condividere su facebook, su twitter .... ovunque!!! QR:  Fontanafredda: il borgo e le sue cantine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.