Atene e la sua ammaliante cultura

Atene e la sua ammaliante cultura

Da antichi monumenti e chiese medievali a musei di fama mondiale e boutique di lusso, è difficile annoiarsi ad Atene. Uno dei motivi principali per visitarlo è il giro dell’Acropoli e dell’Antica Agorà , esplorando le loro meravigliose rovine, tra cui il Partenone, l’Eretteo e il Tempio di Efesto. Ma puoi anche risparmiare tempo per le mostre ospitate presso il Museo Archeologico Nazionale e il Museo dell’Acropoli, così come le strade storiche di Plaka. A seconda della visita, potresti persino assistere a uno spettacolo teatrale all’Edeon di Erode Attico.

Cosa visitare ad Atene

Come suggerisce il nome, il Museo dell’Acropoli – che risiede nel distretto centrale di Makrigianni ad Atene – ospita vari reperti archeologici dall’Acropoli. Tra le mostre principali figurano un rilievo di Athena Nike, diverse statue scolpite di Erechtheion e una galleria con vari manufatti del Partenone.
Il bellissimo e storico quartiere di Plaka, situato sotto l’Acropoli, è in gran parte residenziale. Tuttavia, il suo assortimento di ristoranti e caffè lo scalda di turisti ogni estate. Puoi anche fare acquisti, soprattutto se stai cercando di portare a casa dei gioielli d’oro.
Un impressionante esempio di architettura greca antica, il Partenone è un punto di riferimento culturale come nessun altro. Un tempo fungeva da tesoro e in un altro punto ospitava una chiesa cristiana. Ora, il Partenone è uno spettacolo da non perdere e il clou incontrastato per visitare l’Acropoli (e per alcuni, la Grecia in generale).

Atene, simbolo della Grecia antica

Situato appena a nord del Partenone all’interno del complesso dell’Acropoli, Eretteo fu costruito tra il 421 e il 406 aC come luogo per gli Ateniesi per adorare Eretteo, il mitico re di Atene e varie divinità greche. Benché più piccola del Partenone, questa struttura presenta un fregio in pietra grigia di Eleusi, sculture multiple (conosciute come cariatidi) e altri dettagli unici, che lo rendono uno degli edifici più attraenti dell’Acropoli.
Una delle rovine meglio conservate di Atene è il Tempio di Efesto. Annidato nell’antica Agorà, questo sito fu costruito tra il 460 e il 420 aC e un tempo era una chiesa cristiana. Alla fine, l’edificio fu trasformato in un museo archeologico prima di essere oggetto di scavi nel 1930 e successivamente di essere aperto ai turisti.
Il Museo Benaki si concentra sull’arte greca, dalla preistoria all’età moderna. Il campus ospita diversi edifici storici e contemporanei che ospitano di tutto, dall’arte islamica agli studi d’arte affiliati a Yannis Pappas e NikosHadjikyriakos-Ghika, due noti artisti greci.


Se vuoi ricordare o condividere questa pagina, scatta una foto al QR Code! E' unico e lo puoi condividere su facebook, su twitter .... ovunque!!! QR:  Atene e la sua ammaliante cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.